From Saturday 3rd to Sunday 18th March 2012

 

at Palazzo Ducale, Genoa

in the portico spaces numbers 36 and 38 r.,

 

the public is invited to:

 

"ARTE POVERA: THE FIRST EXHIBITION.

GENOA, LA BERTESCA-MASNATA, 1967 AND THEREABOUTS"

 

 

The exhibition, curated by Linda Kaiser and Francesco Masnata,

will feature rare and previously unseen materials and photographic documents

relating to the first Arte Povera exhibition that was actually held

in Genoa in 1967 at Francesco Masnata’s Galleria La Bertesca.

 

We remain at your disposition for further information

  

Kaiser Art - mob. +39-347-2684946

e-mail: info@kaiserart.net - www.kaiserart.net

 

-----------------------------------------

 

Da sabato 3 a domenica 18 marzo 2012

 

a Genova, in Palazzo Ducale,

negli spazi del Porticato denominati 36 e 38 r.,

 

sarà aperta al pubblico l'esposizione:

 

"ARTE POVERA: LA PRIMA MOSTRA.

GENOVA, LA BERTESCA-MASNATA, 1967 E DINTORNI"

 

La mostra, curata da Linda Kaiser e Francesco Masnata,

esporrà materiali e documentazione fotografica anche inedita

relativi alla prima mostra dell'Arte Povera, che si tenne nel 1967

proprio a Genova presso la Galleria La Bertesca di Francesco Masnata.

 

Restiamo a disposizione per ulteriori informazioni

 

Kaiser Art - cell. +39-347-2684946

e-mail: info@kaiserart.net - www.kaiserart.net

 

 

-----------------------------------------

 

 

In occasione della quinta edizione

della GIORNATA DEL CONTEMPORANEO

3 ottobre 2009

 

KAISER ART

 

è lieta di annunciare la mostra

 

IN TEMPORE, C...ART...AE

Dal ‘DIARIO del NARRATORE’ di BIBESCO

 

che si terrà a Genova - Via del Molo 5 r (vicino a Porta Siberia)

 

L’esposizione sarà inaugurata

Sabato 3 ottobre 2009, alle ore 17 – Ingresso libero

 

 

Collage e scrittura su carte geografiche e pagine di diario. E un video.

La mappa della vita di Bibesco, tra segni, simboli e significati,

è tracciata su carte geografiche. I nomi (nomina / numina) preesistono,

ma l’artista li sceglie e la casualità li mischia; il linguaggio li muove.

Il tempo musicale è scandito dal metronomo.

Tempo del leggere, del pensare e del dipingere.

Un luogo – la galleria – coperto da mappe e che fa parte di una mappa.

Un’opera totale.

 

Orari di apertura: il 3 ottobre 2009

ore 10.30-12.30 e 15.30-19.30 – Nei giorni successivi su appuntamento

 

Informazioni: Kaiser Art - cell. +39-347-2684946

e-mail: info@kaiserart.net - www.kaiserart.net

 

 

 

 

In occasione della quinta edizione della Giornata del Contemporaneo patrocinata da AMACI (Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani), Kaiser Art aderisce al grande evento dedicato all’arte del nostro tempo e al suo pubblico.

Insieme a un migliaio di istituzioni culturali coinvolte la galleria garantirà ai visitatori l’ingresso gratuito al suo spazio per l’intera giornata di sabato 3 ottobre 2009.

 

Anche quest’anno, la Direzione Generale per la qualità e la Tutela del Paesaggio, l’Architettura e l’Arte Contemporanee del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali rinnova il suo sostegno alla manifestazione, siglando la Giornata e tutti i suoi eventi.

 

 

 

 

In esposizione, nello spazio vicino a Porta Siberia, opere a collage e scrittura su carte geografiche e pagine di diario.

La mappa della vita di Bibesco, tra segni, simboli e significati, è tracciata su carte geografiche.

I nomi (nomina / numina) preesistono, ma l’artista li sceglie e la casualità li mischia; il linguaggio li muove.

Il tempo musicale è scandito dal metronomo. Tempo del leggere, del pensare e del dipingere.

Un luogo – la galleria – coperto da mappe e che fa parte di una mappa.

Un’opera totale.

 

(Linda Kaiser)

 

 

 

 

 

 

 

BIBESCO nasce il 22 luglio 1941 a Genova. Vive e lavora in Italia.

 

 

Biografia

 

1960-70: Lavora nell’ambito dell’arte cinetica.

1970-80: Realizza opere di ricerca sul rapporto tra superficie e luce.

1980-90: Dipinge il ciclo di opere intitolato “Mistake” e la serie del “Narratore”.

1990-00: Dopo un periodo di partecipazione diretta alla Mail Art, si dedica al collage.

2000-08: Continua la realizzazione di collage secondo “cicli tematici” ben identificabili.

2009: Dal 1° gennaio inizia a lavorare al “Diario del Narratore”.

 

 

Mostre personali

 

1989, settembre - Forum, Amburgo

1990, settembre - Forum, Düsseldorf

1993, gennaio - Art ‘93, Londra

2006, settembre- Collage, Fine Art Gallery, Mosca

2007, gen.-feb. - Diario del Narratore, D-137 Gallery, S. Pietroburgo

2009, ottobre - In tempore, c…ART…ae. Dal Diario del Narratore di Bibesco, Kaiser Art, Genova

 

 

 

 

-----------------------------------------

 

 

LA BERTESCA-MASNATA

in collaboration with KAISER ART

 

is pleased to announce

the solo show

 

 

M A R I N A     F E D O R O V A

Visions of Autumn

 

 

to be held in Genoa, Italy - Via del Molo 5 r (near Porta Siberia)

 

The exhibition will be inaugurated

on  Wednesday 10thJanuary 2007, at 6:30 p.m. – Free Entrance

 

  

The artist lives and works in St. Petersburg, where she was bornin 1981.

In the series of canvases exhibited here she represents imaginary landscapes

and figures inspired by the world of fashion and by literature.

With rapid brushstrokes Marina expresses atmospheres and situations that,

while apparently suspended, are charged with symbolic values.

 

Opening times: until 25th January 2007

from Tuesday to Friday: 5:00-7:00 p.m. - Alternative opening times on request

 

 

Further information:

 

 Kaiser Art - cell. +39-347-2684946

e-mail: info@kaiserart.net - www.kaiserart.net

 

-----------------------------------------

 

 

LA BERTESCA-MASNATA

in collaborazione con KAISER ART

 

è lieta di annunciare

la personale di

 

M A R I N A     F E D O R O V A

Visioni d'autunno

 

 

che si terrà a Genova, Italia - Via del Molo 5 r (vicino a Porta Siberia)

 

L’esposizione sarà inaugurata

Mercoledì 10 Gennaio 2007, alle ore 18.30 – Ingresso gratuito

 

 

L'artista,che vive e lavora a S. Pietroburgo, dove è nata nel 1981,

nella serie di tele in mostra rappresenta paesaggi immaginari

e personaggi ispirati al mondo della moda e della letteratura.

Con rapide pennellate Marina esprime atmosfere e situazioni

apparentemente sospese, ma cariche di valenze simboliche.

 

Orari di apertura: fino al 25Gennaio 2007

da martedì a venerdì: ore 17-19 - Orari alternativi a richiesta

 

 

Informazioni:

 

Kaiser Art - cell. +39-347-2684946

e-mail: info@kaiserart.net - www.kaiserart.net

 

-----------------------------------------

 

 

TESTO CRITICO DI LINDA KAISER “THERE, SHE’LL BE NOT SINGLE”

(Genova, 9 gennaio 2007)

 

L'artista, che vive e lavora a S. Pietroburgo, dove è nata nel 1981, nella serie di tele della sua prima mostra personale in Europa rappresenta paesaggi immaginari e personaggi ispirati al mondo della moda e della letteratura. Con rapide pennellate Marina esprime atmosfere e situazioni apparentemente sospese, ma cariche di valenze simboliche.

Formatasi alla Scuola d’arte di S. Pietroburgo, diplomatasi poi in Graphic Design e quindi all’Accademia di Belle Arti della stessa città, Marina voleva dipingere dall’età di tre anni. Nel 2004 venne notata da una delle gallerie più importanti della Russia, la D-137 di S. Pietroburgo, che la chiamò subito a esporre.

La sua tavolozza si avvale di pochi colori, il suo gesto è sintetico. Dall’idea al bozzetto e alla tela, il procedimento della realizzazione artistica è immediato. Matita, pennelli di diverse misure, spatole scorrono sulla superficie bianca senza ripensamenti, fissano un “punctum” – una sciarpa rossa sulla spiaggia, l’erba mossa dal vento in primo piano, lo sguardo di un personaggio sullo sfondo, una colatura scura, un colore acceso, una velatura particolare – e vi riconducono l’attenzione.

 

 

I suoi personaggi sono spesso senza lineamenti, ripresi di schiena, “ritagliati” di profilo, con un cappello abbassato, dietro una persiana, nervosamente cancellati nelle loro possibili espressioni. Come nel bellissimo “’s not single”, dove l’identità dell’uomo e della donna che si accompagnano mano nella mano restituisce alla scena, attraverso l’approccio “fisico”, un’intensità indefinita ma reale. “I volti possono mentire, ma il movimento dei corpi no”, dichiara Marina.

 

La permanenza a Genova prima dell’inaugurazione della mostra ha ispirato all’artista opere nelle quali si può riconoscere l’atmosfera ligure, sia nel paesaggio che nell’Italian Style. Marina, che ama sfogliare e collezionare riviste europee di moda, rende omaggio a brand famosi, che il suo occhio inquadra e la sua arte velocemente traduce in due dimensioni.

La visione d’autunno che dà il nome alla mostra si intitola “There”. Il paesaggio è immaginario e rappresenta il sogno dell’artista: una casa su un’isola deserta in mezzo al mare. Non deve essere necessariamente in Russia, ma Marina lo sta cercando nell’“everywhere” che ha davanti a sé.

 

-----------------------------------------

 

 

CRITICAL TEXT BY LINDA KAISER “THERE, SHE’LL NOT BE SINGLE”

(GENOA, 9 JANUARY 2007)

Translation by Neil Davenport

 

In the series of canvases presented in her first European solo show, the artist who lives and works in St. Petersburg where she was born in 1981, represents imaginary landscapes and characters inspired by the world of fashion and by literature. With rapid brushstrokes Marina expresses atmospheres and situations that while apparently suspended are laden with symbolic values.

Trained at the St. Petersburg School of Art, where she graduated in Graphic Design, and then at the city’s Academy of Fine Arts, Marina had wanted to paint from the age of three. In 2004 she was spotted by one of Russia’s leading galleries, the D-137 in St. Petersburg, and was immediately asked to exhibit her work.

Her palette is restricted, her gestures restrained. From concept to sketch through to canvas, her manner of artistic realisation is immediate. Pencils, brushes of various sizes and spatulas work the white surface unhesitatingly, establishing a “punctum” – a red scarf on the beach, the grass blown by the wind in the foreground, the gaze of a figure in the background, a dark sediment, an intense colour, an unusual veiling – and drawing your attention to it.

Her characters are frequently featureless, seen from behind, “snapped” in profile, with a low-brimmed hat, behind a shutter, their possible expressions nervously cancelled. This is true of the beautiful “He’s not single”, where the identities of the man and woman walking hand in hand restores to the scene through the “physical” approach an undefined but real intensity. “Faces may lie, but the movement of bodies no”, declares Marina.

Her stay in Genoa prior to the inauguration of the exhibition inspired the artist to create works in which the atmosphere of Liguria is recognisable in both the landscape and the Italian Style. Marina, who adores flicking through and collecting European fashion magazines, pays tribute to famous brands that her eye captures and her art rapidly translates into two dimensions.

The vision of autumn that inspired the title of the exhibition is “There”, an imaginary landscape representing the artist’s dream: a house on a deserted island in the middle of the sea. It does not necessarily have to be in Russia, but Marina is looking for it in the “everywhere” she has before her.